fbpx
Back To Top

I social media ai tempi del Coronavirus | PARTE 2

Abbiamo cominciato un paio di giorni fa il nostro decalogo a puntate per un utilizzo consapevole ai tempi del Coronavirus, una guida pensata dalla nostra agenzia per aiutarci, ed aiutare i nostri clienti, a comunicare in modo corretto, consapevole e coinvolgente sui social media. Nelle prime tre voci del nostro decalogo abbiamo affrontato tre concetti che parlano della relazione tra chi pubblica e chi legge; se te li sei persi, recupera subito leggendo questo post.
Oggi invece, concentriamoci sul contenuto dei nostri piani social. Ho la giusta attitudine, mi sento ispirato, voglio postare: sì, ma cosa? Pensiamoci insieme!

4. USIAMO LA TESTA

Molti o tutti i brand retail con uno shop online offriranno le spese di spedizioni gratuite. Persino le piccole botteghe aperte fino alle 18.00 si stanno organizzando per consegnare la spesa a domicilio, senza sovrapprezzo, per facilitare quanto più possibile il punto d’incontro (al cancelletto di casa) tra domanda e offerta. E allora il mio brand cosa può fare di più?
Usare la testa, trovare nuovi modi smart per comunicare i propri vantaggi, e cambiando la propria organizzazione per fornire al cliente quel qualcosa in più che proprio ora, in un quadro dove anche le cose più scontate vengono a mancare, serve tantissimo, per recuperare normalità. Un piccolo omaggio nel pacco della consegna, uno sconto da utilizzare fra 6 mesi: pensieri immediati dal valore grande o piccolo, ma che fanno piacere. E non solo: usare la testa per noi significa pensare, ad livello di più profondo, alla propria strategia multicanale tra online e offline. Quanto regge? Come viene percepita? Questo è il momento giusto per testarla, senza paura.

5. SIAMO CREATIVI

Facciamo sgranchire la nostra creatività e sperimentiamo in questo momento nuovi toni di voce: il brand istituzionale può pure concedersi una sana battuta per sdrammatizzare. Il cliente vanitoso può rispondere ai commenti con una punta di ironia, quello più criptico può lasciarsi andare ad un lungo post sul suo “dietro le quinte in smart working”. La creatività non pone limiti e, quando si tratta di analizzare la risposta dei followers a contenuti del piano editoriale che sono “fuori dalle righe”, non dovremmo limitarci nemmeno noi.

6. SORRIDIAMO

Creiamo meme, facciamo ridere, puntiamo a diventare virali anche senza partire dall’idea del secolo: in questo momento la gran parte delle persone che frequenta i social potrebbe divertirsi per un tipo di contenuto simile. Che sdrammatizzi, faccia scoppiare in una grande risata, in grado di minimizzare o tranquillizzare.
Sorridiamo prima di tutto noi stessi, e poi mettiamoci al lavoro.

  • Vuoi sapere come procede il nostro decalogo?
  • Continua a seguirci sui social per non perderti la seconda parte di questo blogpost!
  • Ti abbiamo ispirato?
  • Contattaci, potremo conoscerci (al momento virtualmente) per parlare della tua azienda o del tuo progetto.

Se sei interessato a sapere come sfruttare queste novità per il tuo piano di marketing, contattaci. Saremo felici di definire la strategia multicanale più adatta al tuo business.

Vuoi saperne di più?

Contattaci per il tuo piano di marketing. Saremo felici di definire la strategia multicanale più adatta al tuo business.

Written by

Esperta di marketing ed account manager dotata della capacità di comprensione delle esigenze dei clienti, negli anni ha sviluppato un sempre maggiore interesse per il web marketing.